Ai mercati serve ancora una solida guida

E’ bastato che mamma (BCE) lasciasse intendere ai figli (mercati) che sta avvicinandosi l’ora di iniziare a camminare con le proprie gambe (si guardi la newsletter pubblicata sabato 7 giugno) per scatenare il panico (e i capricci).

Alla fine della scorsa settimana, prima Christine Lagarde, presidente della BCE, poi Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, avevano dato rassicurato sulla generazione del flusso liquidità necessario in questa fase ma avevano anche detto che non c’era da aspettarsi una inondazione e che, in una prospettiva neppure troppo lontana, i mercati, appunto, avrebbero dovuto disporsi a far da sé. Il risultato, questa settimana, è stato una ritirata, prima lenta poi via via scomposta e rumorosa. Se tutto avesse fine con oggi, si potrebbe archiviare la ritirata come un sano storno dopo un’euforia poco giustificata, ma non è detto.  Simplify 02, comunque, aveva già riposizionato il portafoglio in asset molto conservativi dopo aver sfruttato il più possibile il rally post lockdown: nessun danno, quindi, dai capricci di questi giorni, e la stessa la volatilità è stata efficacemente contenuta. Siamo quindi soddisfatti del lavoro compiuto, soprattutto perché abbiamo rispettato il nostro mandato: prima di tutto, preservare il capitale.  I segnali per il futuro sono contrastanti. Di positivo c’è che gli abituali messaggeri dell’aumentata avversione al rischio (dollaro e oro), non si sono praticamente mossi tra mercoledì e venerdì. Per contro, spostando l’analisi in una direzione più quantitativa, si è invertita la curva a termine dell’indice di volatilità (VIX), che misura anche la volatilità implicita nelle opzioni, segnalando una maggiore attesa di volatilità a breve. Questa inversione, di solito, non segnala il rilassamento dei trend di mercato.  Prima di rimettere il piede sull’acceleratore, sarà in ogni caso opportuno leggere con attenzione gli sviluppi politico-economici. Le elezioni americane si avvicinano (novembre) e i repubblicani sembrano aver perso lo slancio nelle scorse settimane, soprattutto a causa di come è stata gestita la crisi e il conseguente impatto sociale. Un rafforzamento del partito democratico raramente è bullish per i mercati ma stiamo comunque per entrare in una parte dell’anno in cui, di solito, l’attitudine degli investitori è inclinata positivamente. Infine, la correlazione tra le varie asset class che, al momento, è elevata. Ben consapevoli che correlazione non implica nesso causale, osserviamo che il movimento delle asset class, storicamente poco correlato, lo è in questo periodo: significa che le aspettative di una variazione della liquidità sui mercati prevalgono oggi sulla effettiva attualizzazione dei flussi di cassa futuri delle singole imprese.

20 views

Recent Posts

See All

Simplify is an AIF umbrella fund, is authorised by CSSF in Luxembourg and passported in Italy and Sweden. The fund is managed in London.