12.5 trillion of negative yielding debt

[italiano in calce]

The dovish twist of the FOMC projection was overwhelming when, yesterday night, the FED highlighted the developments of its monetary policy. The justification for the change in tune is a downgrade to the inflation profile (even though just six weeks ago the inflation shortfall was supposed to be "transitory").


à bien voir, during this period, there has been a significant shift in the trade war narrative, which has clearly increased the level of uncertainty about the economy's trajectory. US GDP forecast for this year was unchanged, while the central tendency was revised up +0.2%. That increased the chance of rate cuts, but it is, in our opinion, reasonably low for now...


It is worth noticing that (notwithstanding the complaining of the White House), financial conditions are at record (accommodating) levels, even better than before the Global Financial Crisis. Before asking yourself IF the FED should cut rates just have a look at the chart below. (a positive value in the index imply that financial conditions are tighter than average and vice-versa).

Yet a record amount of USD is invested in bonds with a negative yield (first chart), that leave us wondering why the economies are not growing at a faster pace.


A clear winner in this context is gold, supported by all the usual drivers linked to the fear of monetary debasement.


Best regards


Simplify Partners Management Team






ITALIANO

Il voltafaccia accomodante della proiezione del FOMC è stato totale quando, ieri sera, la FED ha annunciato gli sviluppi della propria politica monetaria. La giustificazione del cambio di direzione è un downgrade del profilo dell'inflazione (anche se solo fino a sei settimane fa il gap di inflazione avrebbe dovuto essere "transitorio").


A dire il vero va notato che durante questo periodo c'è stato un cambiamento importante nella narrativa della guerra commerciale tra USA e Cina che ha chiaramente aumentato il livello di incertezza sulla traiettoria dell'economia americana e globale. Le previsioni sul PIL degli Stati Uniti per quest'anno sono rimaste invariate, mentre la tendenza centrale è stata rivista in rialzo dello + 0,2%. L'accresciuta incertezza ha aumentato leggermente la probabilita' di un taglio dei tassi, ma per ora rimane a nostro avviso piuttosto basso.


Vale la pena notare che (nonostante le lamentele della Casa Bianca), le condizioni finanziarie sono a livelli record, persino migliori rispetto a prima della crisi finanziaria globale. Prima di chiederti se la FED dovesse tagliare i tassi quindi, non perdiamo di vista che le possibilita di finanziarsi sono estremamente accomodanti, migliori appunto di prima della crisi finanziaria del 2008. (un valore positivo nell'indice implica che le condizioni finanziarie siano più strette della media e viceversa).


Tuttavia, e qui veniamo all'interrogativo principale, un importo record di USD è investito in obbligazioni con rendimento negativo.


Un chiaro vincitore è l'oro, trainato dai tipici timori di diluizione della base monetaria.


Cordiali saluti


Simplify Partners Management Team





Recent Posts

See All

Politics

Since the election of Donald Trump, politics has become the key driver of the world financial markets, replacing G7 central banks...

Portfolio update: quality first

The next few weeks, when the earnings season will be over in the US, and many dividends will be received in Europe, are critical for the confirmation of current trends in the markets on both sides of

Simplify is an AIF umbrella fund, is authorised by CSSF in Luxembourg and passported in Italy and Sweden. The fund is managed in London.